Danilo Maestosi
Danilo Maestosi
Danilo Maestosi


Il Sublime dipinto a ritmo di swing

A conoscerlo bene, Danilo Maestosi è un uomo positivamente complesso, simile ad un vulcano che in apparenza giace tranquillo e poi all'improvviso esplode in un'irrefrenabile eruzione per sprigionare la propria ricchissima energia interiore o il proprio dissenso. Curioso di ogni aspetto della vita, della cultura e delle civiltà, lo incontri mentre cerca di andare sempre dritto al cuore delle cose, sia quando scrive che quando dipinge. Ama la profondità, Danilo, gli abissi più intimi che non tollerano la banalità, la retorica, l'intrattenimento spettacolare, cioè purtroppo i canoni oggi dominanti. E la sua discesa nel profondo va pure controcorrente, con tutte le difficoltà del caso, così che spesso Danilo sente di essere fuori posto, suo malgrado, tanto da scomparire in un battibaleno con tutto il carico delle proprie inquietudini, magari immergendosi in un viaggio purificatore che gli svelerà chissà quali segreti e memorie lontane.
In particolare da più di tre anni, come è ben evidente in questa mostra, Maestosi sta dando vita ad opere francamente sorprendenti, cariche di rivelazioni e di intuizioni che prendono avvio da una mirabile empatia con la musica, di cui Danilo è un notevole esperto ma soprattutto un sensibile amatore. E così Maestosi ha creato un proprio swing pittorico, in cui la spontaneità dell'espressione e l'esplosione di energia pura si compongono in un flusso ritmico strutturato ma sempre emozionante. Ad esempio la sua pittura sembra miracolosamente animata dal linguaggio del corpo, dalla sensualità, dalla gestione dell'inatteso e dal ritmo non programmato del jazz: basta pensare alla sua passione per Miles Davis, per quello "stile" interiorizzato che si distingue anche per il pudore e il riserbo nell'espressione, proprio come accade nelle opere di Danilo. Eppure per Maestosi tutta la musica è compresente e contemporanea, si intreccia, affiora da inimmaginabili lontananze, abolisce le barriere fra passato e presente, fra alto e basso, proprio come la memoria. Così nel flusso metamorfico ed elastico che percorre le sue tele animate dai colori delle emozioni pare di avvertire anche gli echi delle riflessioni epocali e rivelatrici di uno dei filosofi più decisivi in assoluto, Henri Bergson, che esaminando il proprio io interiore trovava "un flusso continuo, una successione di stati, ciascuno dei quali preannuncia quello che segue e contiene quello che lo precede". E così egli chiamó "durata" ("duréè") la vera natura della nostra esistenza nel tempo. Per Bergson il vero obiettivo del filosofo era quello di vedere "il mondo materiale fondere, trasformandosi in un unico flusso, una continuità del fluire, un divenire". Del resto queste intuizioni illuminarono anche l'abissale pittura di Umberto Boccioni e certo quella corrente d'energia che percorre due suoi capolavori come le due versioni (CIMAC, Milano e Moma, New York) degli Stati d'animo: quelli che vanno (1911) deve aver colpito anche Maestosi.
Peró, al di là di questi riferimenti, dalle sue opere promana con forza un'accigliata inquietudine tutta contemporanea che ci invita a riscoprire e ad immergersi nelle nostre emozioni più sincere e profonde. E a capire che c'è sempre qualcosa di più grande e di sublime cui tendere. Opere come Beethoven, l'eroica con quel vorticoso flusso di un rosso luciferino o Rossini, la gazza ladra con quel turbine autunnale o, ancora, il giallo abbagliante di Vivaldi, concerto per mandolino, l'onda irrefrenabile di Fabrizio De André, la Domenica delle Salme hanno veramente la rara capacità di scatenare emozioni e di portarci tramite un colore musicale in dimensioni lontane dalla quotidianità e vicine alla nostra natura più intima, quella che oggi abbiamo invece trasformato in una "stucchevole estranea", per dirla con Kavafis.
Gabriele Simongini


SYDNEY BECHET, PETITE FLEUR

SYDNEY BECHET, PETITE FLEUR
ANGIOLIERI - DE ANDRÉ,  SI FOSSI FOCO

ANGIOLIERI - DE ANDRÉ, SI FOSSI FOCO
DE ANDRÉ, BOCCA DI ROSA

DE ANDRÉ, BOCCA DI ROSA
SCHUBERT, IMPROVVISI

SCHUBERT, IMPROVVISI
ANOUAR BRAHEM, CHANT DE L'INCROYABLE AMOUR

ANOUAR BRAHEM, CHANT DE L'INCROYABLE AMOUR
ENDRIGO, ARIA DI NEVE

ENDRIGO, ARIA DI NEVE
FOLK TOSCANO, MAREMMA

FOLK TOSCANO, MAREMMA
CESARIA EVORA, SODADE

CESARIA EVORA, SODADE
L. COHEN - DE ANDRÉ, GIOVANNA D'ARCO

L. COHEN - DE ANDRÉ, GIOVANNA D'ARCO
BILLY HOLYDAY, STRANGE FRUIT

BILLY HOLYDAY, STRANGE FRUIT
MIRIAM MEGHNAGI, EHAFEZ HAIM (CANZONE CHASSIDICA)

MIRIAM MEGHNAGI, EHAFEZ HAIM (CANZONE CHASSIDICA)
PAUL SIMON, THE SOUND OF SILENCE

PAUL SIMON, THE SOUND OF SILENCE
ORCHESTRA DI PIAZZA VITTORIO, COMPILATION

ORCHESTRA DI PIAZZA VITTORIO, COMPILATION
SANDS, DESERT DREAMS

SANDS, DESERT DREAMS
LUCIO BATTISTI, EMOZIONI

LUCIO BATTISTI, EMOZIONI
ERIK SATIE, GYMNOPEDIES

ERIK SATIE, GYMNOPEDIES
INDACO, MANTRA

INDACO, MANTRA
ALBENIZ, ASTURIAS

ALBENIZ, ASTURIAS
EUGENIO BENNATO, NINNA NANNA PE' STA CREATURA

EUGENIO BENNATO, NINNA NANNA PE' STA CREATURA
BARRY LYNDON, COLONNA SONORA

BARRY LYNDON, COLONNA SONORA
BEETHOVEN, L'EROICA

BEETHOVEN, L'EROICA
ROSSINI, LA GAZZA LADRA

ROSSINI, LA GAZZA LADRA
BACH, L'ARTE DELLA FUGA

BACH, L'ARTE DELLA FUGA
MOZART, DON GIOVANNI ULTIMO ATTO

MOZART, DON GIOVANNI ULTIMO ATTO
FABRIZIO DE ANDRÉ, LA DOMENICA DELLE SALME

FABRIZIO DE ANDRÉ, LA DOMENICA DELLE SALME
VIVALDI, CONCERTI PER MANDOLINO

VIVALDI, CONCERTI PER MANDOLINO
MOZART, REQUIEM

MOZART, REQUIEM
LEONARD COHEN, THE FAMOUS BLUE RAINCOAT

LEONARD COHEN, THE FAMOUS BLUE RAINCOAT
MILES DAVIS, KIND OF BLUE

MILES DAVIS, KIND OF BLUE
BRELL, NE ME QUITTE PAS

BRELL, NE ME QUITTE PAS
VIVALDI, VARIAZIONI SUL TEMA DELLA FOLLIA

VIVALDI, VARIAZIONI SUL TEMA DELLA FOLLIA
Le terre dei ricordi
Adamo e la nuvola
Atlante inquieto
Trasfigurare
Oltre la definizione. Mostra-Incontro Ennio Calabria e Danilo Maestosi
Carnevale delle Arti
L'era glaciale. Innesti
Premio Sulmona
Giffoni Experience - Sempre giovani
Omaggio a Mattia Preti
Dalla Dolce Vita alla Vie en Rose
La Parabola - Ieri, oggi e domani
L'era glaciale
Miraggi
Giffoni Experience - La felicità
CO2 Uomo/Natura
Arte per la vita
3 anni di Archè
Caduta-Separazione
Come farfalle controvento
L'istinto ed il Gusto. Migrazioni: nuovi appunti
Noi credevamo
Identità liquide
Linkolors - Giffoni Film Festival
Piccola piccola...così, Biennale A.R.G.A.M.
Porte d'autore
Sulle orme di Marco Polo. Cento pittori italiani dipingono Hang Zhou
L'identità graffiata
S.O.S. Palma
In memoria della Shoah
Migrazioni - Appunti di un viaggio infinito
Migrazioni e naufragi
Giffoni Experience - Imago amoris, Poetica dei desideri
Viaggio in Italia
Concerto-Sconcerto
Muro contro Muro
Dipingi i silos
Premio Sulmona 2009
In concerto, Primaverile A.R.G.A.M.
La musica sotto la pelle / Atto II - Risonanze di un lago vulcanico
La musica sotto la pelle
Prendere posizione, Primaverile A.R.G.A.M.
Parabole
Non son solo canzonette
Le mille e una seta
Ukiyo e altri miraggi
Lunario
Isole
Grottesche
Paesaggi infiniti... (come un gioco di carte)
Mediterraneo e altri mari
Come ombre sui muri
Danilo Maestosi
Danilo Maestosi