Danilo Maestosi
Danilo Maestosi
Danilo Maestosi

2002. Villa Rufolo, Ravello

Come cinquecento anni fa quando Raffaello e i suoi allievi penetrarono nelle aule sprofondate della Domus Aurea, scoprendo al lume delle torce il popolo di ninfe, sfingi, vittorie alate, giganti, chimere che Nerone aveva fat­to affrescare sui muri della sua reggia. Grottesche: il nome che diedero al loro stupore e a quel pantheon remoto rie­merso dalle tenebre del tempo. Un panorama che cominciarono a riprodurre, come capriccio d'arredo, nei palazzi dei loro mecenati. Chissà, forse un giorno capiterà lo stesso ai graffiti lasciati sui muri, al cifrario di segni, invettive e invenzioni impresso sui vagoni del metro, sulle fiancate dei bus, sulle serrande dei negozi. Un bizzarro repertorio di icone, una tavolozza per­duta di colori spray che potrebbero par­torire nuove vibrazioni, visioni, memo­rie, profezie. Sospese tra passato e futu­ro nelle metropoli della fantasia.
Danilo Maestosi


Cosa mostrano, oltre la pittura, il colore di un quadro, le linee che invocano la cattura di un personaggio, le parole seppellite nella luce dipinta?

Le grottesche sono elementi decorativi, vogliono impaurire e piacciono, chiedo­no di piacere e suggeriscono un senso di ilare ansia, figure che somigliano ai sogni, al fumo leggero, al vento quando gonfia una tenda, a un lenzuolo che pro­duce forme imprecise di volti, profili seducenti, draghi inferi che volano nel profondo della te I lavori che Danilo Maestosi presenta hanno proprio questo titolo, Grottesche, che vuole essere didat­tico, e dare indicazioni di poetica. Il suo, infatti, è un realismo magico, ha la con­sistenza della surreale nominazione che il desiderio dà alle cose quando non le dimentichiamo più. Guardando con attenzione un quadro di Maestosi ci accorgiamo come le figure (debitamente deformate, e rese lontane e seduttive) non abbiano un rapporto definitivo con alcuna superficie, e con lo sfondo. Non sono legate a coordinate spaziali ricono­scibili, l'alto e il basso, la destra e la sini­stra. Il realismo magico, proprio della sua pittura, le ha rese imprendibili, dislo­cando lo spettatore, allontanandolo dal­la consueta frontalità.
Una pittura che vuol produrre piacere e si piega a un impegno che puó sembrare minimo (ma è la fuga da un disperato richiamo) accettando un confine stretto, quello dell'ornamento, della lateralità asimmetrica da cui ritagliarsi un luogo prospettico dolcemente obliquo che escluda dal dolore del confronto. Apollinaire scrisse nel 1918 (il suo ultimo anno) un prezioso libro di versi intitolato Calligrammes. Cosa sono i calligrammi? Versi in cui le parole (e i grafemi che le formano) sono disposte in modo da for­mare i confini di un disegno, la curva di una linea, il vibrare della luce di un cor­po, della sua ombra. L'immagine di un leone sottomesso da una donna, che cor­ra affannato sul mare. Ecco, mi sembra che i quadri di Danilo Maestosi trattengano questa doppia superficie, la prima di carattere lettera­rio, ed è il livello più profondo, la secon­da è la stesura pittorica che di quel rac­conto si fa maschera e scena.
Rino Mele


LO SCUDO DI ACHILLE

LO SCUDO DI ACHILLE
(2002)
alchilici, tempere e vernici spray su cartone
cm 50x70
NOTTE DI NOTE

NOTTE DI NOTE
(2002)
alchilici, tempere e vernici spray su cartone
cm 50x70
LA MASCHERA DEL POETA

LA MASCHERA DEL POETA
(2002)
alchilici, tempere e vernici spray su cartone
cm 50x70
LA GRANDE MELA

LA GRANDE MELA
(2002)
alchilici, tempere e vernici spray su cartone
cm 50x70
LA DONNA DELLE CAMELIE

LA DONNA DELLE CAMELIE
(2002)
alchilici, tempere e vernici spray su cartone
cm 50x70
IL VECCHIO E IL MARE

IL VECCHIO E IL MARE
(2002)
alchilici, tempere e vernici spray su cartone
cm 50x70
I CAVALIERI DELL'APOCALISSE

I CAVALIERI DELL'APOCALISSE
(2002)
alchilici, tempere e vernici spray su cartone
cm 50x70
CORPO D'AMORE

CORPO D'AMORE
(2002)
alchilici, tempere e vernici spray su cartone
cm 50x70
BASE SPAZIALE

BASE SPAZIALE
(2002)
alchilici, tempere e vernici spray su cartone
cm 50x70
ECHI DI FORNACE

ECHI DI FORNACE
(2002)
alchilici, tempere e vernici spray su cartone
cm 50x70
N.Y.. 11 SETTEMBRE

N.Y.. 11 SETTEMBRE
(2002)
alchilici, tempere e vernici spray su cartone
cm 50x70
UN MONDO A PARTE

UN MONDO A PARTE
(2002)
alchilici, tempere e vernici spray su cartone
cm 50x70
GIARDINI DI KYOTO

GIARDINI DI KYOTO
(2002)
alchilici, tempere e vernici spray su cartone
cm 50x70
CURVE PERICOLOSE

CURVE PERICOLOSE
(2002)
alchilici, tempere e vernici spray su cartone
cm 50x70
TAMBURI LONTANI

TAMBURI LONTANI
(2002)
alchilici, tempere e vernici spray su cartone
cm 50x70
TAUROMACHIA

TAUROMACHIA
(2002)
alchilici, tempere e vernici spray su cartone
cm 50x70
Le terre dei ricordi
Adamo e la nuvola
Atlante inquieto
Trasfigurare
Oltre la definizione. Mostra-Incontro Ennio Calabria e Danilo Maestosi
Carnevale delle Arti
L'era glaciale. Innesti
Premio Sulmona
Giffoni Experience - Sempre giovani
Omaggio a Mattia Preti
Dalla Dolce Vita alla Vie en Rose
La Parabola - Ieri, oggi e domani
L'era glaciale
Miraggi
Giffoni Experience - La felicità
CO2 Uomo/Natura
Arte per la vita
3 anni di Archè
Caduta-Separazione
Come farfalle controvento
L'istinto ed il Gusto. Migrazioni: nuovi appunti
Noi credevamo
Identità liquide
Linkolors - Giffoni Film Festival
Piccola piccola...così, Biennale A.R.G.A.M.
Porte d'autore
Sulle orme di Marco Polo. Cento pittori italiani dipingono Hang Zhou
L'identità graffiata
S.O.S. Palma
In memoria della Shoah
Migrazioni - Appunti di un viaggio infinito
Migrazioni e naufragi
Giffoni Experience - Imago amoris, Poetica dei desideri
Viaggio in Italia
Concerto-Sconcerto
Muro contro Muro
Dipingi i silos
Premio Sulmona 2009
In concerto, Primaverile A.R.G.A.M.
La musica sotto la pelle / Atto II - Risonanze di un lago vulcanico
La musica sotto la pelle
Prendere posizione, Primaverile A.R.G.A.M.
Parabole
Non son solo canzonette
Le mille e una seta
Ukiyo e altri miraggi
Lunario
Isole
Grottesche
Paesaggi infiniti... (come un gioco di carte)
Mediterraneo e altri mari
Come ombre sui muri
Danilo Maestosi
Danilo Maestosi